Sant'Antonio di Padova dei padri Rogazionisti in Circonvallazione Appia - Roma 

8 MARZO. FESTA DELLA DONNA. UN MOMENTO DI GIOIA PER TUTTO CIÒ CHE LE DONNE HANNO DATO E CONTINUANO A DARE AL MONDO. PERCHÉ LA MIMOSA?

on .

mimosa

Ma la ricorrenza odierna nasconde anche il dolore, la sofferenza, le lotte di tante donne che si sono battute per un mondo più giusto. Grazie a loro oggi le donne almeno in occidente hanno potuto affermare i propri diritti e possono veder riconosciuta la loro parità con l’uomo. 
L’8 marzo è dedicato specialmente a tutte le donne che sono ancora oggi minacciate, violentate, imprigionate, uccise per aver difeso i loro diritti e, spesso, i diritti umani più elementari. Ricordare questo giorno è un modo per non dimenticarle e per continuare a lavorare, perché c’è ancora molto da fare.

PERCHÉ LA MIMOSA? A Roma nel 1946, le donne romane scelsero i fiori giallo intenso e profumati della mimosa, come simbolo della loro festa perché era un fiore facile da trovare perché fioriva proprio in quel periodo in quantità abbondanti nei giardini di Roma e dei Castelli, erano facili da raccogliere, adatti ad essere tagliati in piccoli rametti per essere esibiti all’occhiello o tra i capelli. 
Altre fonti invece ci riportano al funerale di alcune donne operaie morte nell'incendio della loro fabbrica per difendere i loro diritti. In quella occasione le persone lanciarono sul corteo funebre rami di mimosa presi dagli alberi. La cosa certa è che la Mimosa vuole rappresentare il simbolo di forza e femminilità. Il fiore che tutte le donne ricevono in questo giorno!

UA-90394871-1