Sant'Antonio di Padova dei padri Rogazionisti in Circonvallazione Appia - Roma 

LA PAROLA AI GIOVANI

on .

GIOVANI SEDUTI

MA IL LORO LINGUAGGIO RIMANE SPESSO UN CODICE SEGRETO IGNOTO AGLI ADULTI. 
In che modo avviene la comunicazione tra il mondo giovanile e il mondo degli adulti? Il linguaggio parlato dai giovani assomiglia sempre più a un codice segreto, incomprensibile ai più, ignoto ai genitori, usato soltanto in una cerchia di amici, di appartenenti al gruppo. 
Di questa confraternita non fanno parte gli adulti, genitori e insegnanti, tagliati fuori da un modo di esprimersi sempre più criptato, proprio loro che della educazione dei giovani dovrebbero essere i responsabili diretti. 
Uno slang giovanilese che è segnale di auto identificazione, di appartenenza a un gruppo, di complicità, ma che diventa anche strumento e momento di esclusione per coloro che non fanno parte o non si desidera facciano parte del gruppo. 
E’ come parlare una lingua straniera, solo chi la conosce riesce a comunicare. 
Il linguaggio ha la funzione di filtro tra i giovani e il mondo adulto, tra i giovani e la propria famiglia.

UA-90394871-1