Sant'Antonio di Padova dei padri Rogazionisti in Circonvallazione Appia - Roma 

LA VITA SOCIALE DIVENTA TALVOLTA UNO STECCATO, UN TERRITORIO PRIVATO, UN GHETTO CHE PROTEGGE ALCUNI ED ESCLUDE ALTRI.

on .

LA VITA SOCIALE

C’è un razzismo omertoso, che è intolleranza quotidiana, frutto spesso di pregiudizi e ignoranza, che si esprime negli epiteti ingiuriosi e volgarità di strada, in certi locali pubblici, in posti di lavoro, nelle scuole.

Siamo testimoni di una crescita di sentimenti di paura, di rifiuto, se non addirittura di razzismo.

Ma siamo davvero diventati razzisti? Che fine sta facendo la nostra cultura e tradizione cristiana? Sta prendendo posto un clima di reciproca diffidenza che favorisce spesso la violenza o comunque un rifiuto di chi è diverso e non-conforme: sia nero o zingaro, cinese o ebreo, gay o disabile o comunque estraneo.

Lo straniero, lo sconosciuto, il vagabondo, l’altro, soprattutto se di colore diverso dal nostro, mette spesso in moto un processo difensivo fisico e psicologico.

La vita diventa talvolta uno steccato, un territorio privato, un ghetto che protegge alcuni ed esclude altri.

ADAMO CALO’. Educazione alla diversità e al pluralismo culturale. Pubblicato su MONDO VOC . Ottobre 2009

UA-90394871-1