Sant'Antonio di Padova dei padri Rogazionisti in Circonvallazione Appia - Roma 

18 MAGGIO. SANTA MARIA, MADRE TENERA E FORTE, NOSTRA COMPAGNA DI VIAGGIO SULLE STRADE DELLA VITA

on .

MARIA DESIDERIAMO

 

SANTA MARIA, MADRE TENERA E FORTE, NOSTRA COMPAGNA DI VIAGGIO SULLE STRADE DELLA VITA,

ogni volta che contempliamo le grandi cose che l'Onnipotente ha fatto in te, proviamo una così viva malinconia per le nostre lentezze, che sentiamo il bisogno di allungare il passo per camminarti vicino.

Asseconda, pertanto, il nostro desiderio di prenderti per mano, e accelera le nostre cadenze di camminatori un po' stanchi.

Divenuti anche noi pellegrini nella fede, non solo cercheremo il volto del Signore, ma, contemplandoti quale icona della sollecitudine umana verso coloro che si trovano nel bisogno, raggiungeremo in fretta "la città" recandole gli stessi frutti di gioia che tu portasti un giorno a Elisabetta lontana.

VOI, FIGLI CARISSIMI, SIETE CRISTO PER NOI.

on .

PAPA PAOLO VI

 

VOI, FIGLI CARISSIMI, SIETE CRISTO PER NOI.

E Noi che abbiamo la formidabile sorte d’essere il Vicario di Cristo nel suo magistero della verità da Lui rivelata, e nel suo ministero pastorale nell’intera Chiesa cattolica.

Noi Ci inchiniamo davanti a voi e vogliamo ravvisare Cristo in voi quasi redivivo e sofferente: non siamo venuti per avere le vostre filiali, e pur gradite e commoventi acclamazioni, ma siamo venuti per onorare Cristo in voi, per inchinarci perciò davanti a voi, e per dirvi che quell’amore, che tre volte Gesù risorto richiese da Pietro, di cui Noi siamo l’umile e l’ultimo Successore, quell’amore a Lui in voi, in voi stessi lo tributiamo.

Noi vi amiamo! Come Pastori, cioè come associati alla vostra indigenza e come responsabili della vostra guida, del vostro bene, della vostra salvezza. Noi vi amiamo con un’affezione preferenziale; e con Noi vi ama, ricordatelo bene, ricordatelo sempre, la santa Chiesa cattolica.

Voi ora Ci ascoltate in silenzio; ma Noi piuttosto ascoltiamo il grido che sale dalle vostre sofferenze e da quelle della maggior parte dell’umanità».

PAPA PAOLO VI. Agosto del 1968, Omelia per Santa Messa per i campesinos colombiani

SACERDOTE, SII CIÒ CHE SEI!

on .

sacerdos

 

SACERDOTE, SII CIÒ CHE SEI!

Al posto dell’uomo di Dio, si incontra, abbastanza spesso, il piazzista, il barista, l’albergatore, il galoppino, il cinematografaro, l’autista, il giornalista, il cantastorie, il chitarrista, il letterato (oggi si potrebbe aggiungere: il politologo, il politicante …).

Quando si sente dire è uno come noi, è rotto il raccordo spirituale non solo tra la religione e il sacerdote, ma tra la religione e gli uomini.

DON PRIMO MAZZOLARI

17 MAGGIO. MARIA, DONNA DEI NOSTRI GIORNI, METTITI ACCANTO A NOI, E ASCOLTACI MENTRE TI CONFIDIAMO LE ANSIE QUOTIDIANE

on .

17 MAGGIO

 

MARIA, DONNA DEI NOSTRI GIORNI,

METTITI ACCANTO A NOI,

E ASCOLTACI MENTRE TI CONFIDIAMO LE ANSIE QUOTIDIANE

che assillano la nostra vita moderna: lo stipendio che non basta, la stanchezza da stress, l'incertezza del futuro, l'usura dei rapporti, l'instabilità degli affetti, l'educazione difficile dei figli, l'incomunicabilità perfino con le persone più care, la frammentazione assurda del tempo, il capogiro delle tentazioni, la tristezza delle cadute, la noia del peccato.

Facci sentire la tua rassicurante presenza, o coetanea dolcissima di tutti.

SERVI DELLA GIOIA DEL RISORTO

on .

 

 

SERVI DELLA GIOIA DEL RISORTO.

 Un sacerdote è colui che ha incontrato il Signore, ha ascoltato il suo invito e ha risposto di si.

I discepoli gioirono alla vista del Signore.

Ogni ministero nella chiesa proviene dalla gioia che si prova nell’incontrare e vedere il Signore.

Quali sacerdoti siamo, dovremmo essere, nella comunità cristiana servi della gioia del Risorto.

PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE AL SANTUARIO DELLA MADONNA DEL DIVINO AMORE

on .

 Si è svolto come da programma il giorno 13 maggio il pellegrinaggio a piedi di alcuni devoti parrocchiani e alcune rappresentanti delle Suore Figlie del Divino Zelo, presso il Santuario della Madonna del Divino Amore.

La partenza come previsto alle ore 04;15 dalla parrocchia S. Antonio a Circonvallazione Appia.

Giunti sul posto, nella cappella del Santuario del Divino Amore vi è stata la celebrazione della Santa Messa alle ore 9;00, presieduta dal Parroco Padre Paolo Bertapelle e concelebrante il Vicario parrocchiale Padre Pasquale Maranò.

IL VERO PECCATO, LA MISERIA DELLA NOSTRA VITA SI IDENTIFICA CON LA NOSTRA IMMATURITÀ UMANA

on .

 

IL VERO PECCATO, LA MISERIA DELLA NOSTRA VITA SI IDENTIFICA CON LA NOSTRA IMMATURITÀ UMANA, con il non essere cresciuti secondo il piano di Dio, con l'aver rifiutato la propria immagine inseguendo fotografie senza senso.

Quale promozione umana è possibile per coloro che vivono in situazioni precarie, dal lato sociale, affettivo, economico?

Per Padre Annibale M. Di Francia la promozione umana trova significato nella vocazione divina che ciascun uomo riceve venendo in questo mondo. Una persona non può essere privata della sua dignità, né questa essere commisurata sulla base della riuscita in determinati affari economici.

ADAMO CALO’, in: Pastorale vocazionale e promozione umana. L’attualità del messaggio vocazionale di Annibale M. Di Francia. www.padreadamo.com, Marzo 2004

2004 - 16 MAGGIO - 2017. ANNIVERSARIO DELLA CANONIZZAZIONE DI S. ANNIBALE MARIA DI FRANCIA

on .

 

"Se uno mi ama, osserverà la mia parola" (Gv 14,23).                                                                      

In queste parole evangeliche vediamo delineato il profilo spirituale di Annibale Maria di Francia, che l’amore per il Signore spinse a dedicare l’intera esistenza al bene spirituale del prossimo. In questa prospettiva, egli avvertì soprattutto l’urgenza di realizzare il comando evangelico: "Rogate ergo… - Pregate dunque il padrone della messe che mandi operai nella sua messe!" (Mt 9,38).

Ai Padri Rogazionisti e alle Suore Figlie del Divino Zelo lasciò il compito di adoperarsi con tutte le forze perché la preghiera per le vocazioni fosse "incessante e universale". Questo stesso invito Padre Annibale Maria Di Francia rivolge ai giovani del nostro tempo, sintetizzandolo nella sua abituale esortazione: "Innamoratevi di Gesù Cristo".

Da questa provvidenziale intuizione è sorto nella Chiesa un grande movimento di preghiera per le vocazioni. Auspico di cuore che l’esempio di Padre Annibale Maria Di Francia guidi e sostenga anche in questo nostro tempo tale azione pastorale

S. GIOVANNI PAOLO II, PAPA. Omelia per la Canonizzazione. Piazza San Pietro. Città del Vaticano.16 maggio 2004

1897 - 16 MAGGIO – 2017. IN QUESTO GIORNO, 120 ANNI FA, RICORDIAMO LA NASCITA DELLA NOSTRA CONGREGAZIONE DEI PADRI ROGAZIONISTI, NEL QUARTIERE AVIGNONE

on .

 

16 MAGGIO.

IN QUESTO GIORNO, 120 ANNI FA, RICORDIAMO LA NASCITA DELLA NOSTRA CONGREGAZIONE DEI PADRI ROGAZIONISTI, NEL QUARTIERE AVIGNONE, in Messina, con i primi tre giovani laici collaboratori di S. Annibale Maria che in questo giorno presero l'abito religioso e fecero il loro ingresso in Noviziato.

In seguito il Santo Fondatore scelse per i suoi religiosi il nome di "rogazionisti", dalla parola latina Rogate tratta dalla frase evangelica: Rogate Dominum messis ut mittat operarios in messem suam.

Lo scopo principale di vita dei primi novizi doveva essere infatti quello di pregare per le vocazioni e di propagare questo spirito di preghiera.

16 MAGGIO. LA PREGHIERA DI MARIA. DESIDERO PREGARE COME TU HAI PREGATO, CON LO SLANCIO DI TUTTO L'ESSERE O MARIA

on .

 

DESIDERO PREGARE COME TU HAI PREGATO, CON LO SLANCIO DI TUTTO L'ESSERE O MARIA, tu che possedevi la felicità di un cuore puro, di uno sguardo che vede Dio.

 Come te, vorrei accogliere il Salvatore con un'anima semplice, e ricevere pienamente la sua presenza, amarla, desiderarla, e scoprire in essa un mistero ineffabile, quello di un Dio vicino. Vorrei, con te, approfondire la mia fede contemplando Gesù.

Con te vorrei rafforzare la mia speranza scrutando il suo volto. Tu hai pregato, Maria, come respiravi e come vivevi, perché la tua vita consisteva nel pensare a tuo Figlio e a donargli tutto.

Come te, vorrei vivere di un lungo sguardo che si unisca a Gesù, respirare la preghiera respirando l'amore nella gioia di essere suo.

UA-90394871-1