Sant'Antonio di Padova dei padri Rogazionisti in Circonvallazione Appia - Roma 

PREGHIERA A GESU’ BUON PASTORE

on .

 

Caro Gesù,

sei un pastore strano: strano perché tu offri la vita per le pecore.

Dov'è mai scritto tutto questo? Un pastore vale infinitamente di più di tutti i greggi del mondo e tu dici che il buon pastore offre la vita per loro.

E' fuori di ogni buon senso e di ogni calcolo delle probabilità. Se veramente il pastore dà la vita, le pecore che rimangono senza pastore si smarriscono e diventano preda dei lupi. Allora non è meglio essere prudenti e lasciar sbranare qualche pecora salvando se stesso?

E' questione di buon senso. Senza voler giudicare, ci pare o Gesù che, non la tua radicalità, ma il sentire comune sia diventato il criterio e il pensiero della vita di molti.

Si sente infatti spesso dire "puoi continuare a fare il bene, senza diventare prete" dice il padre al figlio che si sente chiamato a donare tutto se stesso all'avventura del Vangelo. "Chi me lo fa fare ad andare contro corrente e anche mettermi contro, predicando il Vangelo.

Un po' di buon senso. L'ignoranza è l'ottavo sacramento. Neppure Gesù ha salvato tutti quelli che ha incontrato. Chi me lo fa fare?... Buon senso ci vuole!

"Gesù buon pastore, liberaci da questo "buon senso" umano e donaci pastori che prendano te come modello. Concedici pastori di comunità ecclesiali che con te offrano la vita per il loro gregge.

Allora le vocazioni non mancheranno perché tutti vedranno che la vita vale se la si dona; che la vocazione è un dono d'amore ricevuto e ricambiato. Amen!"

don GIUSEPPE SACINO

PERCHÉ SI INSEGNA RELIGIONE A SCUOLA?!

on .

 

PERCHÉ SI INSEGNA RELIGIONE A SCUOLA?!

La scuola è luogo non solo di istruzione ma anche di formazione globale della persona.

E’ per raggiungere questo obiettivo che la Chiesa propone l’insegnamento religioso.

In una società in cui si fa sempre più diffusa la tendenza all’uniformità nei gusti, nei bisogni, nei consumi e perfino nei comportamenti, è necessario educare i giovani a compiere, con senso critico, scelte libere e responsabili.

Solo così essi possono sottrarsi alla schiavitù della manipolazione, del conformismo sociale e del permissivismo morale. Solo in un clima di libertà interiore, è possibile compiere una vera scelta religiosa.

ANTONIO UGENTI. I problemi dei giovani. Gribaudi Editore. 1992

 

9 MAGGIO. A TE LEVO I MIEI OCCHI, SANTA MADRE DI DIO. FAI DELLA MIA VITA UNA CASA NELLA QUALE GESÙ SIA PRESENTE

on .

 

A TE LEVO I MIEI OCCHI, SANTA MADRE DI DIO.

FAI DELLA MIA VITA UNA CASA NELLA QUALE GESÙ SIA PRESENTE.

Tu hai accolto il messaggio dell’Angelo come un messaggio che viene da Dio, e hai ricevuto per la tua fede, la grazia di accogliere Dio.

Tu hai aperto la porta della tua casa ai Re Magi e ai pastori perché nessuno si stupisse della tua povertà o della tua ricchezza.

Aiutami ad aprire le porte del mio cuore, perché quanti hanno bisogno di conforto trovino conforto e quanti cercano l’amicizia e la pace possano trovare amicizia e pace.

MESE DI MAGGIO DEDICATO ALLA VERGINE MARIA. PER LA LITURGIA, MAGGIO APPARTIENE SEMPRE AL TEMPO DI PASQUA, IL TEMPO DELL’"ALLELUIA"

on .

 

MESE DI MAGGIO DEDICATO ALLA VERGINE MARIA. PER LA LITURGIA, MAGGIO APPARTIENE SEMPRE AL TEMPO DI PASQUA, IL TEMPO DELL’"ALLELUIA", dello svelarsi del mistero di Cristo nella luce della Risurrezione e della fede pasquale; ed è il tempo dell’attesa dello Spirito Santo, che scese con potenza sulla Chiesa nascente a Pentecoste.

Ad entrambi questi contesti, quello "naturale" e quello liturgico, si intona bene la tradizione della Chiesa di dedicare il mese di maggio alla Vergine Maria.

Ella, in effetti, è il fiore più bello sbocciato dalla creazione, la "rosa" apparsa nella pienezza del tempo, quando Dio, mandando il suo Figlio, ha donato al mondo una nuova primavera.

Ed è al tempo stesso protagonista, umile e discreta, dei primi passi della Comunità cristiana: Maria ne è il cuore spirituale, perché la sua stessa presenza in mezzo ai discepoli è memoria vivente del Signore Gesù e pegno del dono del suo Spirito.

PAPA BENEDETTO XVI. Regina Coeli 9 maggio 2010.

8 MAGGIO. SUPPLICA ALLA MADONNA DI POMPEI

on .

 

O Augusta Regina delle Vittorie, o Sovrana del Cielo e della Terra,

al cui nome si rallegrano i cieli e tremano gli abissi,  

o Regina gloriosa del Rosario,

noi devoti figli tuoi,  

effondiamo gli affetti del nostro cuore

e con confidenza di figli ti esprimiamo le nostre miserie.


Dal Trono di clemenza,  dove siedi Regina,

volgi, o Maria, il tuo sguardo pietoso su di noi,

sulle nostre famiglie, sull’Italia, sull’Europa, sul mondo.

Ti prenda compassione degli affanni e dei travagli

che amareggiano la nostra vita.

Vedi, o Madre, quanti pericoli nell’anima e nel corpo,

quante calamità ed afflizioni ci costringono.

O Madre, implora per noi misericordia dal tuo Figlio divino

e vinci con la clemenza il cuore dei peccatori.

Sono nostri fratelli e figli tuoi

che costano sangue al dolce Gesù

e contristano il tuo sensibilissimo cuore.

Mostrati a tutti quale sei, Regina di pace e di perdono.

SANTA MARIA, DONNA DELL’ULTIMA ORA

on .

 

Santa Maria, donna dell’ultima ora, quando giungerà per noi la grande sera e il sole si spegnerà nei barlumi del crepuscolo, mettiti accanto a noi perché possiamo affrontare la notte.

È un’esperienza che hai già fatto con Gesù, quando alla sua morte il sole si eclissò e si fece gran buio su tutta la terra. Questa esperienza, ripetila con noi.

Piàntati sotto la nostra croce e sorvegliaci nell’ ora delle tenebre. Liberaci dallo sgomento del baratro. Pur nell’eclisse, donaci trasalimenti di speranza. Infondici nell’ anima affaticata la dolcezza del sonno.

Che la morte, comunque, ci trovi vivi! Se tu ci darai una mano, non avremo più paura di lei.

 

GIOVANI ED ESPERIENZA DI FEDE. DIO PER MOLTI DI LORO RIMANE UN’IDEA ASTRATTA E LONTANA.

on .

 

GIOVANI ED ESPERIENZA DI FEDE. DIO PER MOLTI DI LORO RIMANE UN’IDEA ASTRATTA E LONTANA.

L’esperienza religiosa dei giovani è faccenda che si limita a una minoranza tra loro. Dio rimane spesso un’idea molto astratta e lontana.

Talvolta può essere un amico con il quale colloquiare nel segreto della propria camera quando le cose si mettono storte; il sacro è spesso sentito più intensamente nel privato e nel silenzio e la sua percezione avviene solo in alcuni momenti, spesso eventi tristi della vita.

Manca una corrispondenza con la Bibbia, anzi spesso si nota ignoranza anche da parte di ragazzi praticanti.

Li diciamo cristiani perché sono nati in una nazione dalle tradizioni cristiane.

Ma la loro esperienza religiosa non si identifica con il comportarsi da cristiani o sentirsi parte di una comunità ecclesiale.

PREGHIERA PER LE VOCAZIONI

on .

 

Signore Gesù,

come un giorno hai chiamato i primi discepoli per farne pescatori di uomini, così continua a far risuonare anche oggi il tuo dolce invito: "Vieni e seguimi!"

Dona ai giovani e alle giovani la grazia di rispondere prontamente alla tua voce!

Dona perseveranza ai seminaristi e a tutti coloro che stanno realizzando un ideale di vita totalmente consacrato al tuo servizio.

Risveglia nelle nostre comunità l'impegno missionario.

Manda, Signore, operai nella tua messe e non permettere che l'umanità si perda per mancanza di pastori, di missionari, di persone votate alla causa del Vangelo.

Maria, Madre della Chiesa, modello di ogni vocazione, aiutaci a rispondere di "Sì" al Signore che ci chiama a collaborare al suo disegno divino di salvezza. Amen.

UA-90394871-1