Sant'Antonio di Padova dei padri Rogazionisti in Circonvallazione Appia - Roma 

IL RADICALISMO EVANGELICO NEI NOSTRI AMBIENTI RELIGIOSI È ORMAI UN’UTOPIA.

on .

IL RADICALISMO EVANGELICO

IL RADICALISMO EVANGELICO NEI NOSTRI AMBIENTI RELIGIOSI È ORMAI UN’UTOPIA.

Identifichiamo la nostra esperienza di vita più con le pratiche devozionali, con l’efficienza raggiunta in settori apostolici e professionali, con i ricavi e gli utili economici, con l’osservanza esteriore della normativa, sulla base della quale veniamo osservati e giudicati a livello comunitario, e molto meno invece di conversione e testimonianza, di impegno quotidiano a riscoprire l’essenzialità delle cose e la semplicità della vita, creandoci diritti ed esigenze che spesso non trovano riscontro e talvolta sono persino in contrasto con le espressioni del vangelo.

Non è facile per nessuno oggi definire gli ambiti e lo stile per vivere significativamente, come esperienza personale e comunitaria, la povertà evangelica, per il fatto che bisogna sempre porre attenzione al contesto culturale e sociale in cui una comunità opera, la differenziazione degli impegni apostolici, la necessaria preparazione culturale e professionale, la formazione umana e spirituale, la responsabilità individuale e comunitaria a che il ministero esercitato abbia efficacia e risonanza.

di ADAMO CALO'

ERA L’8 GIUGNO 1972, QUARANTACINQUE ANNI FA,

on .

ERA L 8 GIUGNO

ERA L’8 GIUGNO 1972, QUARANTACINQUE ANNI FA,

quando un aereo militare sud-vietnamita, che stava compiendo un raid a caccia di vietcong, sganciò il suo mortale carico di bombe al napalm sulla popolazione del piccolo villaggio di Trang Brang.

In un attimo avvenne il finimondo. La terra tremò e subito dopo calore e fiamme avvolsero tutto ciò che incontrarono.

La piccola Kim si era strappata i vestiti in fiamme e completamente nuda stava fuggendo e gridando «Brucia, brucia».

Il fotografo era Huynh Cong «Nick» Ut.

«Piansi quando vidi quella bimba correre», spiega oggi ancora e trasportò subito i bimbi della foto nel più vicino ospedale e si assicurò che venissero curati.

«Non avrei potuto accettare la morte di quella creatura innocente»

8 GIUGNO. 5 giorno della Novena in onore di S. Antonio di Padova.

on .

8 giugno 5 giorno

 

LA PREDICA AI PESCI.

Antonio si era recato a diffondere la parola di Dio, quando alcuni eretici tentarono di dissuadere i fedeli che erano accorsi per ascoltare il santo.

Antonio allora si portò sulla riva del fiume che scorreva a breve distanza e disse agli eretici in modo tale che la folla presente udisse: “Dal momento che voi dimostrate di essere indegni della parola di Dio, ecco, mi rivolgo ai pesci, per confondere la vostra incredulità”.

Ed incominciò a predicare ai pesci della grandezza e magnificenza di Dio.

Mano a mano che Antonio parlava sempre più pesci accorrevano verso la riva per ascoltarlo, elevando sopra la superficie dell'acqua la parte superiore del loro corpo e guardando attentamente, aprendo la bocca e chinando il capo in segno di riverenza.

Gli abitanti del villaggio accorsero per vedere il prodigio, e con essi anche gli eretici che si inginocchiarono ascoltando le parole di Antonio. Una volta ottenuta la conversione degli eretici il Santo benedisse i pesci e li lasciò andare.

COME I RELIGIOSI E LE SUORE OGGI VIVONO LA POVERTA’ IN QUESTO MOMENTO DI CRISI ECONOMICA NELLE LORO COMUNITÀ?

on .

COME I RELIGIOSI E LE RELIGIOSE

 

QUANTO essa influisce sullo stile di vita personale?

Spesso sentiamo ripetere che tocca ai consacrati cogliere l’importanza di questo momento storico, per recuperare il senso della gratuità, della sobrietà, del risparmio, della essenzialità delle cose, della povertà evangelica.

L'educazione alla povertà rimane anche negli ambienti religiosi un impegno difficile e richiede un tirocinio complesso.

Poveri si diventa come si diventa preti e come si diventa religiosi.

Alla povertà ci si educa e ci si allena e si apprende giorno dopo giorno, senza mai diventare gretti e avari, ma buoni amministratori dei talenti e dei mezzi materiali da Dio concessi, abituandoci ad affrontare con serenità e gioia gli inconvenienti quotidiani, le scomodità, il freddo, il caldo, la mancanza di qualcosa che fino a ieri ci sembrava indispensabile.

 

ADAMO CALO’. Lettera del Superiore provinciale alle comunità della PICN. Dicembre 2011

GIOVANI OGGI. LA VITA A MISURA DI WEB.

on .

GIOVANI OGGI LA VITA A MISURA

 

Il modello vincente e rassicurante che la nostra cultura e la società propongono è quello di diventare ricchi e famosi.

Oggi anche vincere o perdere è un’emozione che può consumarsi in pochi attimi. Prevale una comunicazione istantanea, solo una notizia, che fa leva spesso sull’emotività, senza molti spazi di verifica.

I giovani oggi sono immagine di una società caratterizzata ormai da un relativismo esasperato, che non riesce neanche a condannare comportamenti riprovevoli.

Non c’è infatti un giudizio morale su coloro fanno uso di cocaina, o per chi usa il proprio corpo per affermarsi e fare carriera, o per studenti modello che sballano ogni fine settimana. L’affermazione della propria personalità è un valore in sé e slega il successo dal raggiungimento di obiettivi specifici e concreti.

Manca talvolta una vera proposta di futuro, con scarso senso anche della storia e dell’esperienze passate. I progetti vengono spesso sostituiti dalla voglia, dalle emozioni, conta solo quello che si prova nel presente, non la tensione che porta a guardare lontano.

E’ venuta meno la relazione con l’altro, la cultura del dono e del sacrificio in vista del bene comune, il senso del sacro e del peccato.

di ADAMO CALO

E’ OPPORTUNO ORMAI RITROVARE SAGGEZZA E CORAGGIO A LIVELLO ISTITUZIONALE.

on .

E OPPORTUNO ORMAI

Da una istituzione religiosa, sulla base del buon senso, ci si aspetta comunque che venga dedicato del tempo a riflettere e favorire tra i propri membri una progressiva consapevolezza, sulla opportunità di conservare, di trasformare, di aggiornare, di chiudere, attività ed edifici che fanno ormai parte della storia di una Congregazione religiosa, ma che non prefigurano più il presente, perché non parlano più di vangelo, perché forse sono diventate nel tempo attività commerciali e a scopo di lucro,        

o attività apostoliche obsolete, o troppo costose nella loro gestione, o perché risposte poco chiare alle nuove emergenze sociali, alle nuove povertà, o perché non trovano riscontro nella semplicità di vita e nella povertà del proprio Fondatore o Fondatrice.

Ma sarà anche opportuno ritrovare coraggio a livello istituzionale e all’interno delle comunità locali, per discernere serenamente e valutare la convenienza di soddisfare quotidiane pretese di strumenti di lavoro sempre più nuovi e ricercati, di assunzioni di personale e collaboratori senza una convalida comunitaria, di verificare l’opportunità di viaggi, incontri o settimane di aggiornamenti, di assenze prolungate e costose per eventuali esperienze, la chiarezza dell’utilizzo dei soldi ricevuti per specifici progetti, e prestare attenzione invece e reimpostare la vita comunitaria, sulla base della personale laboriosità, riscoprendo il valore della semplicità e dell’austerità, accogliendo con coraggio eventuali privazioni e collaborando invece nella conduzione ordinaria della propria casa, portando avanti quando richiesto, lavori umili e abituali quale segno di collaborazione fraterna, di abnegazione e senso del risparmio.

ADAMO CALO

NON È TRADIZIONE AUTENTICA PERPETUARE IL PASSATO CON LA ZAVORRA DI USI MANTENUTI A OLTRANZA

on .

NON E TRADIZIONE

 

NON È TRADIZIONE AUTENTICA PERPETUARE IL PASSATO CON LA ZAVORRA DI USI MANTENUTI A OLTRANZA;

questo è invecchiamento dello spirito, anche se truccato di sapienza e prudenza.

Non siamo eredi di un pacchetto di verità congelate e impersonali, ma di una fede viva che dobbiamo individualizzare con una scelta personale, che rifletta le beatitudini evangeliche, si manifesti nell’amore come chiave dell’esistenza umana e potenzi i valori della persona per l’impegno cristiano nella soluzione dei problemi che ci circondano.

BASILIO CABALLERO. La Parola per ogni giorno, 1993

UA-90394871-1